Inventario delle Identità

Voi siete qui:  Skip Navigation LinksHome Page > Per capirci > Quando è identità


Skip Navigation Links

Quando è identità

Finora vi ho solo confuso le idee: le persone possono essere classificate in gruppi, e sia; alcuni di questi gruppi sono delle identità; non è chiaro quando e come un gruppo debba essere classificato come identità; ognuno di noi appartiene a varie identità, in momenti diversi, in ambiti diversi, o anche negli stessi momenti e negli stessi ambiti; una definizione di gruppo può diventare un'identità e ritornare ad essere definizione di gruppo al variare delle circostanze esterne; una nostra caratteristica arbitraria e poco significativa, una denotazione, può diventare una pietra angolare della nostra esistenza, una connotazione che ha effetti sulle nostre azioni, sul nostro futuro.

Ammetto la mia inettitudine: siamo talmente immersi nel gioco delle identità che non riesco a mostrarvele come entità distinte; d'altro canto, è proprio su di loro, e non su altro, che voglio concentrare la vostra attenzione. Proverò allora a darvi un criterio per distinguere il coinvolgimento identitario dal mero attributo gruppale che ci associa sì ad altri esseri umani, ma senza che questo provochi effetti particolari. Eccovi il criterio:

E' identità se può essere tradita.

E' un criterio in prova, mi auguro che regga ad una verifica fattuale. Sembra abbastanza realistico. Perché una nostra appartenenza possa essere tradita, deve esserci un legame, un sistema di regole, una possibilità di trasgressione. Essere nero in Centro Africa non è un'identità; essere nero a New York è sicuramente una discriminante identitaria; il nero che a New York viene accusato di comportamenti "alla Zio Tom" è uno che ha in qualche maniera svenduto la propria identità di nero in mezzo ai bianchi.

Comunque: fatemi sapere la vostra opinione!

Lo ammetto: ho preso a modello il criterio di scientificità di Popper, quello che dice, più o meno, che è scientifico ciò che è falsificabile. Più che l'efficacia del criterio, mi è piaciuta l'eleganza del ragionamento, che utilizza il negativo per definire il positivo. Vediamo se funziona anche qui.

Va bene, va bene, ho capito. Non apprezzate il tono alto, l'inchiostro arancione e i richiami a Popper. Tuttavia, un suggerimento per capire cosa sia identità vi farebbe comodo. Non vi do più un criterio, vi propongo un'associazione di idee: andate a leggervi  Uova con Pancetta.

Se, nonostante queste capziose digressione tecniche, continuo a pilotare il vostro interesse, potremmo vedere Come ci organizziamo .

Per qualsiasi comunicazione: info@identitario.it