Inventario delle Identità

Voi siete qui:  Skip Navigation LinksHome Page > Comunicazione > Comunicazione versus Identità > Fascinazione


Skip Navigation Links

Fascinazione

Ma che diritto abbiamo, di sfruculiare nel privato di Berlusconi, di contare quante escort si è fatto, dove e come, con quali impedimenti e con quali aiuti? Non ha forse diritto alla sua privacy, come tutti gli altri cittadini?

C'è qualcosa di particolare, nel meccanismo della rappresentanza, più o meno democratica. In teoria, io do il mio voto a te perché rappresenti al meglio i miei interessi e ti darai da fare per favorirli; in realtà, io ti nomino mio rappresentante perché penso che tu agirai a favore del Bene, così come io lo intendo: basandomi sul postulato, che mi hai trasmesso, che del Bene abbiamo grossomodo la stessa opinione e la stessa immagine. All'ombra di questo Bene condiviso, io mi sono identificato fra i tuoi sostenitori e "ti appartengo", nel senso che mi associo all'Identità da te incarnata e sostengo le tue ragioni con aprioristico convincimento.

Per evitare confusioni, chiamo questo meccanismo "fascinazione". Il termine richiama suggestioni di fascino, ipnosi, incantamento, maleficio; comunque, un nome vale l'altro. Quello che ci interessa è che il "contratto" fra il rappresentante e il rappresentato è una struttura ad un tempo solidissima e delicata, soggetta bensì ai venti della Comunicazione ma con imprevedibili punti di rottura, esplicitata mille volte nella storia del Potere e ogni volta diversa per personaggio investito e Politica invocata.

L'Italia è sotto la fascinazione di Berlusconi. Nessuna proposta politica, nessun obbrobrio parlamentare riescono a scalfire la popolarità del personaggio. Per arrivare ad incidere su questo sostegno plebiscitario, l'opposizione le prova tutte: ma con scarsi risultati. La via giudiziaria non ha dato risultati significativi: anche perché a Sinistra il finanziamento dei partiti ha smentito varie istanze di moralizzazione. La riproposizione continua delle malefatte del premier sostiene il partito di Di Pietro, ma non cambia gli equilibri politici. Si è provato con la leggerezza della vita privata del Presidente del Consiglio: sperando, puttana più, puttana meno, di incidere sul legame fra Berlusconi e la Chiesa, da una parte, e fra Berlusconi e la popolazione femminile, dall'altra. Anche questa strategia è risultata scarsamente efficace. Cosa si può proporre per intaccare la fascinazione?

Se è da lì che venite, potete tornare a Comunicazione versus Identità.

Per qualsiasi comunicazione: info@identitario.it