Inventario delle Identità

Voi siete qui:  Skip Navigation LinksHome Page > Comunicazione > Comunicazione versus Identità > Democrazia e Comunicazione


Skip Navigation Links

Democrazia e Comunicazione

Ne avrò già parlato, ne parlo ancora. La Democrazia è un bel sistema, ma sottintende un po’ di lemmi inespressi. Riassumiamo così l'ideologia: ognuno sceglie ciò che più gli conviene, e la scelta della maggioranza è maggiormente rappresentata; e vediamo cosa c'è sotto.

Intanto, va chiarita l’importanza di una discussione (libera!) che permetta a tutti di avere un’idea di cosa si sta discutendo (come si faceva in Atene). Poi, va verificata l’idea che ciascuno voti secondo i suoi interessi: è un concetto mutuato dall’economia liberale, secondo cui ognuno fa i suoi interessi e questo porta benessere a tutti; non è detto che si voti per assecondare i propri interessi, più probabilmente si sceglie ciò che viene recepito come “bene”; non è detto che gli interessi della maggioranza rappresentino veramente gli interessi del paese; non è mai sufficientemente definito quali sono le protezioni per la minoranza. Infine, e recapitolando: la Democrazia ha senso se gli elettori hanno un’informazione completa sulle idee espresse, sulle alternative possibili; inoltre, se la loro visione del “bene” è coerente con i loro autentici interessi o con un’adesione coinvolgente all’etica sottostante.

Non sarà mai possibile realizzare in pieno queste pregiudiziali; comunque, bisognerebbe evitare l’enfatizzazione della falsa informazione in merito alla realtà e ai valori. Riassumendo. La propaganda falsa le consultazioni elettorali: agendo sulla percezione di ciò che è bene; sulla nozione di cosa sta succedendo; sulla definizione delle possibili alternative. Tre menzogne.

Parlo delle stesse cose in Debolezza della Democrazia: vedete voi se vi vale la pena di approfondire l'argomento.

Se è da lì che venite, potete tornare a Comunicazione versus Identità.

Per qualsiasi comunicazione: info@identitario.it