Inventario delle Identità

Voi siete qui:  Skip Navigation LinksHome Page > Identità > Interazioni > Contrapposizioni


Skip Navigation Links

Contrapposizioni

Ma che bel quadretto idilliaco, che sta venendo fuori! Come esperte, educate ballerine, le Identità si alleano fra di loro per un giro di valzer o per una quadriglia, salvo comporre un accoppiamento diverso quando cambia la musica. Ma smettiamola! La caratteristica più preoccupante delle Identità, il motivo per cui ce ne stiamo occupando, deriva dalla loro capacità di contrapporsi in maniera più o meno violenta. Tanto per non affogare nella melassa, ricordiamoli un po', i possibili conflitti che vedono lo schieramento e l'enfatizzazione delle avverse appartenenze. E' facile: basta citare un'Identità, ed ecco profilarsi secolari inimicizie.

Le Religioni sono sicuramente dedite alla pace universale, ma hanno accumulato millenni di guerre reciproche in nome del Dio rispettivo; ma ne abbiamo già parlato discettando di Alleanze Religiose.

 Le Nazioni hanno disseminato la Storia di conflitti sanguinosi, per la prevalenza degli interessi dell'una o dell'altra, per un territorio o per una ripicca. Le Etnie, per la loro parte, hanno vigorosamente partecipato a tale festino: fosse la Nazione Tedesca che sterminava gli Ebrei o i Serbi che fucilavano i mussulmani di Srebrenitza, o i Tutsi massacrati dagli Hutu; d'altro canto, non è che corra buon sanngue fra Leghisti nostrani e Migranti, e fra questi ultimi stessi, quando di diversa origine; e non dimentichiamo la nostra secolare frattura fra terroni e polentoni.

Non ci sono solo le guerre reali: abbiamo bisogno anche di quelle simboliche, come le partite di calcio o le competizioni atletiche o il Palio di Siena; guerre simboliche fino ad un certo punto: perché talvolta la finzione virtuale va a farsi benedire e i tifosi delle parti avverse si affrontano in realissime scazzottate.

Le varie formazioni politiche conducono anch'esse una "guerra simbolica", scandita dalle regole dell'ordinamento democratico; anche qui, vale il sospetto che tanta compassata buona educazione nasconda la tentazione di rovesciare il tavolo e saltare alla gola del nemico con le peggiori scorrettezze. Non che i Sindacati si sentano molto uniti, ultimamente.

L'Economia prevede, e anzi impone, nella sua versione liberista, la concorrenza fra le imprese: che è un'altra maniera per fare spazio a conflitti più o meno regolati; dalla grandi multinazionali ai negozietti sotto casa nostra.

La Famiglia è il regno della concordia: parlatene al genero e alla suocera. In compenso, tra una Famiglia e l'altra regna l'armonia: basta ricordare le feroci liti nelle assemblee di condominio o le secolari faide familiari, così diffuse nelle "ordinate" società patriarcali del nostro Sud.

Il Meridione mi ricorda la Criminalità Organizzata: dove le bande rivali allineano i cadaveri degli avversari per decidere il rispettivo predominio e territorio.

La lotta fra Poveri e Ricchi ha riempito il secolo ventesimo, e il mio viscerale marxismo ancora ne risente. In una forma o nell'altra, la affronteremo ancora.

Li ho già contrassegnati: Carcerati contro Secondini; prigionieri contro altri prigionieri.

Ci sono anche contrapposizioni più "strutturali", e generalmente inoffensive: giovani contro vecchi, donne contro uomini, "regolari" contro "strani" (e lascio a voi la sostanziazione dei termini). Non sempre, inoffensive: possono diventare la radice di discriminazioni, privazioni, sofferenze varie. Gli esempi, fateli voi.

Ho dato l'impressione che i conflitti si scatenino solo fra Identità dello stesso tipo; non è così. Certo, le Identità simili competono spesso per delle "risorse" più o meno scarse, e questo acuisce la contrapposizione; ma riescono a farsi la guerra anche identità di tipo diverso. Ve le elenco alla rinfusa. Chiesa e Stato hanno delle frizioni. Anche Stato e Localismi vari. Stato e Mafia sono istituzionalmente nemici. Politica e Mafia talvolta collaborano, talvolta no. Vale anche per Imprenditorialità e Mafia. Imprenditorialità e Stato si combattono per le tasse! Per inciso, notate come la Mafia viaggi in parallelo allo Stato, anche nelle contrapposizioni. Il Gruppo Uno, l'individuo, riesce a mettersi contro tutti. Anche il Gruppo Infinito. Infine: gli Anti perseguiteranno la loro ossessione: neri, ebrei, immigrati.

Di Contrapposizioni ne avete abbastanza? Passiamo alle Rotture.

Per qualsiasi comunicazione: info@identitario.it